In offerta!

Nessuno può darti la libertà

discorsi e interviste

15.00 14.25

1000 disponibili

15.00 14.25

Disponibile dal 12 novembre

A partire da 60 euro di acquisto, spese di spedizione gratuite

discorsi e interviste

Di

Malcolm X

Indice
Prefazione

«Nessuno può darti l’indipendenza, nessuno può darti la libertà, nessuno può darti l’uguaglianza, la giustizia o qualsiasi altra cosa. Se sei un uomo, te le prendi. E se non riesci a prenderle, non le meriti»

Predicatore, rivoluzionario, ma soprattutto abilissimo oratore, Malcolm X è un’icona difficile da maneggiare. I suoi discorsi più celebri, pronunciati negli ultimi anni di vita e raccolti adesso in quest’antologia, testimoniano tutta la rabbia, ma anche l’evoluzione intellettuale e politica di uno dei più importanti leader della lotta per i diritti degli afroamericani. Enfant terrible del nazionalismo nero, quasi una sorta di Che Guevara metropolitano, agitatore delle masse povere dei sobborghi di Harlem, seguace devoto di Elijah Muhammad (a capo della Nation of Islam), persuaso dalla soluzione “separatista” e quindi acerrimo rivale dell’apostolo della nonviolenza Martin Luther King: Malcolm X ha descritto, più che il sogno, l’incubo americano. È solo in seguito ai suoi pellegrinaggi in Medio Oriente, tra il 1963 e il 1964, che approda a posizioni più complesse, prendendo le distanze dal suprematismo dei Black Muslim. Un distacco che non gli impedirà di rimanere critico nei confronti di quei «negri da cortile» che trasformano le rivolte in “marcette per la pace”, e pur sempre convinto della legittimità della violenza quando necessaria. È grazie a questi discorsi che scopriamo un Malcolm X estraneo a ogni cliché. Sullo sfondo, invece, vediamo un’America dove democrazia e violenza sono inestricabilmente intrecciate l’una nell’altra, non tanto diversa, finalmente, da come ci appare oggi.

Traduzione di Emanuel Pietrobon


 

pagine:220
anno:2020

Malcolm Little nasce a Omaha, in Nebraska, nel 1925. Dopo un’infanzia segnata dai conflitti razziali che lacerano l’America e l’adolescenza trascorsa tra Boston, Detroit e New York nel giro del malaffare, Malcolm si converte all’Islam e si dedica all’attivismo politico. Il 16 febbraio del 1965, ad Harlem, durante una conferenza nella sala dell’Audubon, il suo quartier generale, viene assassinato con 16 colpi di arma da fuoco. Ai funerali parteciperanno oltre un milione e mezzo di persone. Il suo messaggio ispirerà tutti i futuri movimenti associati al Black Power.